logo2

          Non mi piace chi parte in quarta e scrive in terza persona, magari col tempo imperfetto. Preferisco partire e parlare in prima e al presente, che è il tempo giusto. Nasco a Catania, figlio di emigranti contromano: i miei genitori nordici si spostano in Sicilia per lavoro.

          Mi sforzo di imparare le tradizioni e il dialetto, fondamentale per poter seguire le indicazioni degli allenatori di calcio e discutere a tono con gli avversari di turno.

          Confesso subito: “Sono nato col sacro fuoco”,  “Ho sempre voluto fare l’attore” e “Facevo ridere i miei compagni di classe con le imitazioni dei professori” sono frasi che non mi riguardano.  Fino a diciotto anni faccio lo studente e il dj, in radio e in discoteca.

          Dopo il liceo mi iscrivo alla Facoltà di Economia e Commercio e dato che mi mancano tre esami alla laurea (anche se da una vita) posso comunque dire di essere un laureando (anche se  a vita). Dopo ben cinque lezioni, capisco che non posso fare solo l’Università, e cerco uno sfogo “artistico”.
            Prendo informazioni su tutto, dai corsi di Fotografia a quelli per suonare la batteria.

Nel dubbio, scelgo il Teatro: un corso privato di Recitazione, il mio primo Maestro e i primi lavori, spesso mesi e mesi di prove per due o tre repliche.

          Alla tenera età di 25 anni decido di provare a farne un mestiere: faccio e vinco l’audizione per entrare alla Accademia d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano, mi diplomo alla fine del triennio e ricomincio praticamente da zero con due obiettivi: evitare le fossilizzazioni e mettermi sempre alla prova.

            E qui entra in gioco il Caso che decide di sposare e cavalcare la mia voglia di cambiamento.

Così, mentre continuo a fare Teatro, per una coincidenza mi ritrovo ad essere uno dei primi “veejay” italiani; per una iscrizione a mia insaputa vinco da outsider il Festival Milano Cabaret; per un incontro in stazione, anziché fare il solista, entro a far parte del gruppo dei Cavalli Marci (e mi sposto a Genova); per uno scontro in metropolitana arrivo sul set del mio primo film (e torno a Milano); per un’occasione (e per il mio noto tempismo) una volta acquisita una buona notorietà e una bella casa a Milano mi sposto a Roma e ricomincio un’altra volta…

          Tra un Caso e l’altro, mi perfeziono con workshops di recitazione, di voce e scrittura in Italia e all’estero.

Biografia

Per dirla con Paul Auster : “Nulla è reale tranne il caso”.

E questa è la realtà.
Download
Ed infine...